il Governo Meloni si attiva per la nostra condanna

Aggiungi info@associazionelucacoscioni.it alla tua rubrica
Versione web

Logo ALC

Ciao Easy News,
la sentenza della Corte costituzionale sul fine vita non arriva, e la pressione del Governo Meloni per ottenere una nostra condanna aumenta.

Si moltiplicano infatti le richieste alla Corte di una decisione che possa portare a una condanna da 5 a 12 di carcere di Chiara Lalli, Felicetta Maltese e me (oltre agli altri 9 disobbedienti civili negli altri procedimenti), ma soprattutto la condanna alla tortura per persone malate e in condizioni simili a quelle di Laura Santi e Martina Oppelli.

Come primo atto, il Governo si è costituito in giudizio contro di noi, sostenendo che la questione di legittimità costituzionale sarebbe inammissibile e che la Consulta non dovrebbe nemmeno dare una risposta a ciò che Filomena Gallo e il nostro collegio legale hanno evidenziato e cioè il carattere discriminatorio del criterio del “trattamento di sostegno vitale”, che esclude molte tipologie di persone affette da patologie irreversibili e sofferenze insopportabili dal diritto di accedere all’aiuto alla morte volontaria.

Non avendo dalle parti del Governo evidentemente ritenuto sufficiente la costituzione in giudizio contro di noi, si è aggiunta la mobilitazione di un altro organo di nomina governativa: il Comitato Nazionale per la Bioetica (CNB), non a caso presieduto da Angelo Vescovi, già uomo-immagine della campagna clericale di boicottaggio anti referendario sulla legge 40 (“sulla vita non si vota”, diceva Vescovi, che sosteneva l’inutilità della ricerca sulle cellule staminali embrionali, senza mai essersi scusato da allora).

Il Comitato Nazionale per la Bioetica – dopo 8 mesi di silenzio da quando era stato interpellato dalla Regione Umbria – ha scelto proprio questi giorni di riunione della Corte costituzionale per pubblicare un parere che dà ragione al Governo contro di noi, raccomandando un’applicazione il più possibile restrittiva e discriminatoria del “trattamento di sostegno vitale”.

Un organo di consulenza alle istituzioni come il CNB è stato così ridotto a strumento di propaganda e indebita pressione sulla Corte costituzionale, sollevando la rivolta di quasi metà dei componenti che si sono opposti al momento del voto.

E il Parlamento? Non pervenuto. La discussione del disegno di legge a prima firma Bazoli è calendarizzata per il 17 settembre, ma il testo è addirittura peggiorativo rispetto alle norme attualmente in vigore.

Nel frattempo, abbiamo risposto nell’unico modo possibile: dando la parola alle persone. In particolare, abbiamo reso nota la richiesta di 10 persone, malate irreversibili, che si sono rivolte a noi per chiedere alle Asl l’aiuto alla morte volontaria e che stanno incontrando ostacoli e boicottaggi di ogni tipo, sempre in difesa del “trattamento di sostegno vitale” che nessun Paese al mondo considera una condizione necessaria per accedere alla morte assistita.

Non ci fermiamo. Contiamo sul tuo aiuto.

A presto,

Marco Cappato

TUTTI I MODI PER SOSTENERE L’ ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI

ONLINE CON CARTA DI CREDITO, PAYPAL, SATISPAY, GOOGLE PAY O APPLE PAY o chiamando il numero 06.64010848

HAI UN CONTO PAYPAL?

Usa questo link https://www.paypal.me/AssociazioneCoscioni/

scegli l’importo ed effettua il login sul tuo conto in pochi secondi potrai fare la tua donazione


CON BONIFICO BANCARIO

intestato a Associazione Luca Coscioni

IBAN: IT79E0832703221000000002549

Indica nella causale: “DONAZIONE EUTANASIA LEGALE”


CON CONTO CORRENTE POSTALE
n. 41025677 intestato a Associazione Luca Coscioni

Via di San Basilio 64 – 00187 Roma

Indica nella causale: “DONAZIONE EUTANASIA LEGALE”

Scarica il pdf del bollettino

 

Ricevi questa email all’indirizzo agency@easynewsweb.com perché hai dato il consenso a ricevere le nostre comunicazioni.
Puoi annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento cliccando sul collegamento disiscrizione.

Disiscrizione
ARTICOLI RECENTI
Video