RICCIONE CINEMA D’AUTORE : DOVE NON HO MAI ABITATO

0

Ben riuscito melodramma che commuove e convince, una storia d’amore, fra un padre e una figlia, spesso difficile, e  fra un uomo e una donna, talvolta impossibile. Francesca, unica figlia di un anziano architetto della Torino bene, vive a Parigi insieme al compagno, decisamente più anziano di lei; si è allontanata dalle pressioni dell’ingombrante padre che sognava un destino professionale simile per la talentuosa figlia. Quando torna a Torino per fare visita al padre, accetta l’incarico di portare a termine la ristrutturazione di una magnifica villa,affiancando il collaboratore-pupillo del padre nell’impresa. Fra i due nascerà una forte attrazione, dovuta anche alle similitudini fra i due caratteri: entrambi introversi e timorosi di abbandonarsi alla vita e alle sue sorprese:mentre costruiscono per gli altri le case dei sogni, tengono invece intrappolati dentro se stessi i loro desideri. Come suggerisce il titolo del film Franchi descrive spazi in cui nessuno, tranne il vulcanico e iconoclasta Manfredi,abita pienamente. La storia si  avvale della splendida fotografia di Fabio Cianchetti che sottolinea luci e ombre, e del montaggio rigoroso e pudico di Alessio Doglione che ci trattiene sulla soglia dei sentimenti. La recitazione di Fabrizio Gifuni ed Emmanuelle Devos nei panni di Massimo e Francesca è un gioco di sguardi che svela un’interiorità incandescente e di corpi che la trattengono a stento, mentre Giulio Brogi regala a Manfredi simpatia e fragilità.

Fonte: riccioneperlacultura.it – Eventi Cultura

Share.

About Author

Redazione Easy News Press Agency

Lascia una risposta