Agenzia nr. 2871 – “Giornali di Classe”, Caracciolo: “Il progetto ha il merito di recuperare la memoria e rafforzare l’identità collettiva attraverso le pagine di storia di Barletta”

0
 
ANNO XIV
Numero 2871
16/06/2017
Pubblicato in Bari

Direttore Responsabile: Francesco Lillo
Redazione: Via Capruzzi, 204 – 70124 Bari – Tel 080.540.23.66 – Fax 080.541.40.64
Posta Elettronica: ufficiostampa@consiglio.puglia.it – Sito Web: http://www.consiglio.puglia.it

Iscritto al Registro Pubblico della Stampa del Tribunale di Bari in data 25/02/2003

“Giornali di Classe”, Caracciolo: “Il progetto ha il merito di recuperare la memoria e rafforzare l’identità collettiva attraverso le pagine di storia di Barletta”

Nota del consigliere regionale e Presidente della V Commissione consiliare (Ecologia) Filippo Caracciolo sulla presentazione del progetto “Giornali di Classe” per il recupero e la valorizzazione dell’archivio storico dell’ex 1° Circolo Didattico “M D’Azeglio” della Città di Barletta.
“Lunedì 19 Giugno – annuncia Filippo Caracciolo – alle ore 11,30 presso la Palestra del Plesso ‘Giuseppe De Nittis’ in via Libertà 20/A si terrà la presentazione del Progetto ‘Giornali di Classe’ per il recupero e la valorizzazione dell’Archivio Storico del 1° Circolo Didattico ‘D’Azeglio’. All’iniziativa che ho promosso in qualità di consigliere regionale dopo aver seguito in prima persona tutte le fasi che hanno portato lo stesso progetto a prendere corpo con la piena collaborazione tra gli enti coinvolti parteciperanno anche: il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo ‘D’Azeglio-De Nittis’ Alfredo Basile, il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regione Puglia Anna Cammalleri, l’Assessore regionale con delega al Diritto allo Studio, Scuola e Università, Sebastiano Leo”.
“La prima fase del progetto – spiega Caracciolo – ha un valore complessivo di 30.000 euro interamente finanziato con risorse messe a disposizione dalla Regione Puglia. Le attività previste nella prima fase del Progetto ‘Giornali di Classe’ ovvero le attività di recupero, riordino e inventariazione del patrimonio documentale si svolgeranno nel periodo settembre 2017 – giugno 2018 in modo da avviare la seconda fase a partire dall’Anno scolastico 2018-2019. Il 1° Circolo Didattico ‘D’Azeglio’ è stata la più antica scuola elementare della Città di Barletta e conserva una ricca documentazione che non è mai stata oggetto di archiviazione e catalogazione. Il plesso è attualmente chiuso perché dichiarato inagibile a seguito del distacco di una parte di solaio del promo piano. La finalità del progetto ‘Giornali di classe’ prevede di recuperare e dare adeguata collocazione al ricco patrimonio documentale della prima Scuola Elementare della Città con il trasferimento di tutti i volumi al plesso ‘Principe di Napoli’ dove attualmente sono collocate le sezioni della scuola dell’Infanzia e la maggior parte delle classi della scuola primaria ‘D’Azeglio’; ordinare e catalogare materiale documentale da utilizzare per studi pedagogici oltre che attività didattiche e di ricerca storica; rendere possibile la fruizione del patrimonio storico anche attraverso la digitalizzazione delle sue pagine più significative cosi da consentire la ricostruzione di uno spaccato del secondo scorso nei suoi diversi aspetti sociali, economici e culturali”.
“L’attività di catalogazione riguarderà oltre 350 volumi risalenti al ‘900 più un volume risalente all’Anno Scolastico 1872/1873. Si tratta nell’insieme di un patrimonio di straordinaria importanza utile sia a ricostruire la storia della scuola che della società compresi gli indirizzi culturali e le condizioni economiche e sociali di quegli anni, con la mentalità e i valori di intere generazioni e della loro evoluzione. In particolare sarà possibile osservare e analizzare la storia dei protagonisti. In altre parole grazie alla realizzazione del Progetto ‘Giornali di Classe’ da me fortemente voluto e che vede protagonista l’Istituto Comprensivo ‘D’Azeglio-De Nittis’ – conclude Filippo Caracciolo – sarà possibile recuperare una parte della memoria e rafforzare l’identità collettiva attraverso alcune importantissime pagine di storia della città di Barletta. Sono molto orgoglioso di aver contribuito alla redazione del progetto visto che memoria e identità sono fattori strategici per promuovere la cultura”./comunicato
Share.

About Author

Redazione Easy News Press Agency

Lascia una risposta